RAFFAELLO SIMEONI

Vai ai contenuti

Menu principale:

testi Controentu

La sua musica




"CONTROENTU"   
2005

 

HANNO SUONATO.....

RAFFAELLO SIMEONI:
voce, lautà,saz, banas,bouzuki, chitarre,
requinto, cuatro potoricano,low whistle in D,
low whistle in C, flauto contralto in F, tarota,sikus,
ghironda,organetto,tzouras,musette,
duduk,piano,ciaramella, scacciapensieri,
cuatro venezuelano,cornamusa.

GABRIELE RUSSO:
rabab,viola,lira calabrese.

MASSIMO CUSATO:
congas,darbouka,riq,shakers,tamburello.

MENOTTI MINERVINI:
basso,contrabasso.

STEFANO MANELFI:
requinto,dulcimer,chitarra acustica ed elettrica
e-bow,loop e sequenze, cuatro portoricano.

CARLO FERRETTI:
batteria, shakers,fisarmonica,tabia, darbouka,
kalimba,udu,birimbao,daf,ferri,bendir,
tamburello e cassa.

NANDO CITARELLA:
voce,tammorra.

MASSIMO GIUNTINI:
ulean pipes

ALESSANDRO STRINATI:
viola braguesa.

ALESSANDRO CANNARSA:
viola da gamba

FLORIANA BERETTA &
ANGELA CARATOZZOLO:

cori



L' ACUSTICA DEL MAR EGEO

Impossibili come sono di martiri e lune
i miei sguardi zavorra
che attendono lettere
e navi dall'Egitto
condanna dei profeti li macchia, li spreme
nessuno oblio alla fame.
Contròra di marzo
il sole mi determina neve
alla ricerca, sempre
di non so più che cosa
fino alla fine, fino alla fine del mondo...

(Da "L'acustica del Mar Egeo" di Franco Pistone)


FINO ALLA FINE E LU MUNNU  

Gente de mare, pian piano vive cerca una casa dentro
Ad un bicchiere pian piano be, troppo male pe esta vita
Gente de mare non è sta cosa è solu un faru accesu male
Non è la sposa non te fermare, fino alla fine fino alla fine e lu munnu
Ladri e mercanti, cecu futuru, e un desiderio fortissimu
Zengari angeli, fame o denaru troppu male pe esta vita
L'Europa Europa non te fermare, Mediterraneu l'Africa
Fino alla fine, fino alla fine, fino alla fine fino alla fine e lu munnu
Pezzi de pane è naufragato esta terra eè umida
E' un dirittu magnare, è un dirittu laorare, dirittu abitane una vita
Nuova miseria non è peccatu è solu un core accesu male
Mediterraneu Mediterraneu,fino alla fine fino alla fine e lu munnu
Fino alla fine e lu munnu
Fino alla fine e lu munnu
Fino alla fine e lu munnu


CHIANU CHIANU

Vivo una notte cocì, niente da fare
Stò camminanno socì, cercanno lu sole
Rubbo una vita che sia nu poco migliore
Che porti l'occhi più giù versu lu mare
Sendo il ricordu de ti strappa le vene
Do me reedo nui dui co jorni più scuri
Quanno che tu alla finstra cantenno canzuni
Co li capilli alla luna scì penzieri lontani
Madonna santa Maria,mercè de noi peccati
Fate prego al dolce fiju,che me deve perdonane, perdonane...
Allora scine penzo socì è giustu cercane
Solu sci lu tempucostrigne la gente a contane
Ma quanno è l'ora de ine n'funnu a lu core
Loco sci retroi la strae che porta a lu mare
Madonna santa Maria,mercè de noi peccati
Fate prego al dolce fiju,che me deve perdonane, perdonane...
Madonna santa Maria,mercè de noi peccati
Fate prego al dolce fiju,che me deve perdonane, perdonane...


RIVE GAUCHE

Cammino de notte, guardando a la vita
Cercanno sordandu dolore e fatica
E se ietu è lu munnu del bene e del male
Io la cerco pe stare una soria migliore
Maledetto lu jornu che me enne a pigliane
In divisa da uomo che non sente ragione
Co lu sguardu del boia che rie pentitu
Che gli au ittu che penzi in un modu diverzu
Qunno viddi che il tempo non sentia le staggioni
Che la forza di un uomo non stà nei coglioni
E che a volte un cervellu pure illu d'un mattu
Lu retroi che batte più forte la n'pettu
E che a dignità ne teè piunede tine
Quantu male, quantu male ne esta vita se nasconne
Quantu male, quantu male ne esta vita
Quantu male, quantu male ne esta vita se nasconne
Quantu male, quantu male ne esta vita se nasconne


L'AMOUR (DONNA LOMBARDA)

Donna donna lombarda al ballo vuoi venir
Se al ballo tu non vieni, non posso più dormir
Al ballo veneria ma solu io con te
Al ballo voglio andane  ma senza dillo al mio marì
Il tuu maritu dorme come farà a sentì
Faremo pinu pianu prima che sia matì
Lu meu maritu è vecchiu non possa repusà
Prima che venga jornu lu devo fa ammazzà
Va donna giù nell'ortu e non te fà scoprì
Li troverai n'serpente che pare stà a dormì
Taglia la testa a pezzi e mittila nel vino
Poi glielu farai bere cocì tu lo vedrai morir
Donna donna lombarda al ballo vuoi venir
Donna donna lombarda al ballo vuoi venir


GRACIAS A LA VIDA

Gracias a la vida que me ha dado tanto
Me diò dos luceros que cuando los abro
perfecto distingo lo negro del blanco
Y en el alto cielo su fondo estrellado
Gracias a la vida que me ha dado tanto
Me ha dado el òido que en todo su ancho
Graba noche y dìa grillos y canarios
Mirtillos turbinas ladridos chubascos
Gracias a la vida que me ha dado tanto
Si Gracias a la vida que me ha dado tanto
Me ha dado la marche de mie pies cansados
Con ellos anduve cludades y charcos
Playas y desiertos montanas y llanos
Gracias a la vida que me ha dado tanto
Gracias a la vida que me ha dado tanto
Me ha dado la risa y me ha dado el pianto
Asì yo distingo dicha de quebranto
Los dos materiales que formam mi canto
Y el canto de ustedes que es el mismo canto
Y el canto de todos que es mi proprio canto
Gracias a la vida que me ha dado tanto
Gracias a la vida que me ha dado tanto

(testo originale di Violeta Parra)


IL CAVALIER DI FRANCIA

Dimmi chi è che bussa forte la porta a lu portone
Son cavalier cavalier di Francia enutu co lu battaglione
Dimmi dimmi Rosina dovello presto il tuo marito
Lu me maritu l'è remastu n'Francia issu non possa revenire
E se la nave che lu porta stanotte lu pozza annegare
E sta terra che lu regge pian pianu possa sprofonnane
E nello pane che se magna, que ccò lo deve n'tossicane
E lo inu che se bee, lu possa avvelenane
Alzò la testa ette unu sguardu e riconobbe suo marito
A terra se buttò a li piedi, Rosina gli chiese perdono
Io cara non perdono a donne, esse son tutte traditore
Prese la spadache teneva al fianco, cocì lu capo gli tagliò
E loco sopra a quella testa ci nasceranno dei bei fiori
Sarau li fior della Rosina ella che è morta per amore


CONTROENTU

Passa tempu lentu passa e và veloce
Tempu de speranza damme pace
Canta da li rami a lu desertu
Continua a fiorire a core apertu
Strigni madri e figli bà ricostruennu
La strae pe casa sendime entu
Quanno cerca notte quanno piove
L'alimentu focu roscio accesu vie
Controentu, controentu.....
Volanno a braccia aperte,  poeta luna e mare
Ferle a l'occhi straripare
Se me  guardi entru quanno tace
Sendu lu silenziu che me piace
Fermame lu entu stella de speranza
Soffia ne esta gola tante parole
Pane tostu a mente pocu da magnane
Vecchia miseria sta periferia vive
Controentu, controentu.....
Terra speranzosa sapore de mele
Una rosa meravigliosa
Portame a giocane apri l'ale
Noa storia famme vive, vive, vive ancora
Controentu, controentu.....
Controentu, controentu.....


BELFAST

Raccontanu da tempu una storia
Do lu mare che da tempu non se pusa
Guardando verso il cielo, guardando verso il cielo Belfast
Allora terra misteriosa col sangue del vangelo
Per non dimenticare, per non dimenticare
Belfast


'O VICERE'


Ollè ollè ollè è venuto 'o vicerè
ha portatu na cosa nova
caciu cavallu e pisci coll'ova
ollè ollè ollè anche i crapi fanno omè
E lu latte in dì la capra e la mennula e tunnata
E' passatu San Giuanni e stinnia puru li panni
Li panni e li pannizzi scì la gioia e li trizzi
Li trizzi n'cannulati viva Maria la Trinnitati
Ollè ollè ollè è venuto 'o vicerè
ha portatu na cosa nova
caciu cavallu e pisci coll'ova
ollè ollè ollè anche i crapi fanno omè
E lu latte in dì la capra e la mennula e tunnata
E' passatu San Giuanni e stinnia puru li panni
Li panni e li pannizzi scì la gioia e li trizzi
Li trizzi n'cannulati viva Maria la Trinnitati
Ollè ollè ollè
Ollè ollè ollè


DOLCE VERGINE MARIA

Dolce Vergine Maria che hai lo tuo fijolu n'balia
Donaci per cortesia, per cortesia lo tuo fiju
Candidu e puru come lu migliu
Più che la rosa è vermigliu
Dimmi che lo tuo fiju
Ogni notte dorme e sogna
Ma sta vita è nà disgrazia
Che non troa pace
Dolce Vergine Maria che hai lo tuo fijolu n'balia
Donaci per cortesia, per cortesia lo tuo fiju
Passa lu tempu e io più me chieo
Che esta storia non tene più a cuntu della memoria
Non te n'segna lu rispettu
Ma tu ancora pace Maria
Dolce Vergine Maria che hai lo tuo fijolu n'balia
Donaci per cortesia, per cortesia lo tuo fiju
Candidu e puru come lu migliu
Più che la rosa è vermigliu
Dolce Vergine Maria che hai lo tuo fijolu n'balia
Donaci per cortesia, per cortesia lo tuo fiju
Candidu e puru come lu migliu
Più che la rosa è vermigliu
Dolce Vergine Maria che hai lo tuo fijolu n'balia
Donaci per cortesia, per cortesia lo tuo fiju
Candidu e puru come lu migliu
Più che la rosa è vermigliu

(Ispirato alle Laudi Francescane del XIII secolo)    

Torna ai contenuti | Torna al menu