RAFFAELLO SIMEONI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Controentu Leon Ravasi

 


E' musica popolare, viene da lontano ed ha ancora strada davanti
di Leon Ravasi

Raffaello Simeoni non è un nome nuovo e questo disco non è un esordio. Da almeno una ventina d'anni (il primo disco "Corteo" è del 1986, praticamente contemporaneo a Creuza de Ma!) , prima nei Novalia e quindi da solo, ricerca ed esegue musiche di tradizione popolare del centro Italia. Suona un po' di tutto: oltre alla chitarra anche Suona flauti moderni, antichi e tradizionali, cornamuse, bombarde, ciaramelle, clarinetto balcanico, organetto, saz, bouzuki, cuatro, tzouras e lautà ed ha collaborato anche con grandi nomi come Giovanna Marini e Ambrogio Sparagna, RIccardo Tesi o Eugenio Bennato o con personaggi della stessa zona ed estrazione come i Ratti della Sabina.

"Controentu" non si potrebbe definire altrimenti che musica mediterranea, con buona pace di Franco Fabbri che nel suo ultimo libro "L'ascolto tabù" sostiene che sia una categoria ancora troppo indefinita e imprecisa, quasi un "cavaliere inesistente" per citare Calvino. Ma come chiamare altrimenti una musica che ha dentro tanto il rumore del vento nel deserto, quanto il calore di un piatto di spaghetti e pummarola? Tanto il vibrare degli zoccoli dei cammelli quanto lo sciabordio del mare sulle barche lungo costa? Paranze e tende maghrebine?

Accanto a Raffaello in questo disco, un piccolo parterre de roi, almeno per il settore: Giuliana De Donno, Massimo Giuntini (Modena City Ramblers), Nando Citarella (Tamburi del Vesuvio), e gli inseparabili Stefano Manelfi, Carlo Ferretti ed Alessandro Strinati. Il risultato sono dodici canzoni per 44 minuti e spiccioli di musica che vanno dalla lauda alla canzone dialettale, da un'imprevista cover di "Gracias a la vida" di Violeta Parra, a poesie prestigiose ("L'acustica del mare Egeo" di Franco Pistone, a brani solo musicali ("Santiago" che chiude il disco).

E se questa è l'apertura del disco, immaginative il resto! “Imbottiti come sono….di mare e martiri lune, i miei sguardi zavorra che attendono lettere o navi dall’Egitto. Condanna dei profeti di macchi, li spreme, nessun oblio alla fame…..controra di marzo, il sole…mi determina neve alla ricerca sempre…di non so più che cosa…fino alla fine…fino alla fine del mondo…”.

"Controentu" è un disco che conquista piano piano, ma quando ti entra dentro, si conficca sotto pelle con unghiette prensili, ti afferra i sentimenti e non li molla "Fino alla fine", tanto per citare un altro dei punti forti del disco, uno dei brani che più persegue, anche dichiarandolo nel testo, questa sorta di sincretismo pan-mediterraneo.
Imprevista, del tutto imprevista in questo contesto, fa la sua comparsa anche una "Donna Lombarda" (L'amour), la stessa canzone resa in forme molto diverse da Fabrizio Poggi, De Gregori/Marini, Lino Straulino e i Sulutumana. Quasi una dimostrazione di come la ballata (sempre la stessa, quella del serpentino col cui veleno disciolto nel vino la Dama Lombarda uccide il marito) non abbia e non abbia avuto confini nemmeno in passato. E devo dire che il trattamento "mediterraneo" a cui qui è sottoposta la celeberrima ballata la rivitalizza niente male.

Insomma, è musica popolare, è davvero musica popolare, è fino in fondo musica popolare, di quella che a molti fa sbuffare e venire afa, di quella che ad altri (quorum ego) crea palpiti e passioni. "Controentu", ci ha messo un poco a entrarmi sotto pelle, forse per questo suo voluto andare controvento, ostinata e contraria, come una barca che cerchi di prendere il largo, ma quando ce la fa corre veloce tra onda e onda e porta a casa profumi di mare e gli elementi primi per un fritto di paranza dal gusto vero.

Tutte le canzoni sono di Raffaello Simeoni, parole e musica, tranne "Gracias a la vida". Una nota di particolare merito (bonus!) anche per disco e libretto (progetto grafico di Maria Pia Piacentino) che riporta in copertina un bellissimo disegno, omonimo rispetto al disco, di Paolo Gattuso.

LEON RAVASI per la"Brigata Lolli"

Torna ai contenuti | Torna al menu