RAFFAELLO SIMEONI

Vai ai contenuti

Menu principale:

Arkeo

La sua musica




"ARKEO"   
1999

 

ARCHEO

RAFFAELLO SIMEONI:
voce,organetto,gaita(cornamusa galiziana),gaita(cornamusa balcanica),
ciaramella,fisarmonica,zuma,tiktiri,kawal.nay,
oud,tzouras,lira calabrese.
STEFANO SALETTI:
chitarra,bouzouki,tzouras,campionatori,groove,loop,devices,
programmazione ritmica, sequenze, piano,cori.
GIOVANNI LO CASCIO:
drum kit,darbouka,davoul
,skin,udu,riqq,tamburello,
pandeiro,caxixi,shaker,sonagli,cori.
MICHELE FRONTINO: basso
ALESSANDRO STRINATI: viola braguesa,campionatori,groove,cori.
FABIANA MANUELLI: suoni.

OSPITI:
GABRIELE RUSSO:viella,rebaba,violino,lira calabrese.
FLORIANA BERETTA: cori

Registrato al Nuove Indye Studios(Roma) da Fabiana Manuelli
Registrazioni addizionali presso lo studio "Orecchio di Van Gogh"
Missato da Fabiana Manuelli, Dentrix, Stefano Saletti.
Masterizzato presso "Video Recording"(Roma)
Cover Design: Roberto Saletti
Foto: Paolo Soriani.




LA BALLATA DELLA CECILIA

Signore capitanu 'na cosa t'ho da di'
Peppinu sta 'npriggione fatemellu escì
Favore te lu faccio si ttu lu fai a mmi
devi dormì 'sta notte a lettu icinu a mi
Sendi maritu sendi, sendi che t'ho da di'
c'è 'r capitan maggiore sarva la vita a tti
Bacce bacce Cecilia, bacce pure a durmì
ma bestite da sposa sappi cumbarì
Quanno fu mezzanotte Cecilia fa 'n zospì
na pena entro a lu pettu pare de morì
Alla mattina all'alba Cecilia s'affacciò
bede Peppinu mortu a capu penzulò
Schifoso capitano m'hai saputo tradì
m'hai leatu l'onore e vita al mio Peppì
No principi e baroni mancu se fosse u re
me piglio rocca e fusu camperò da me
Boria scava nu fosso dicenno famme postu
pe' sotterrà le donne e fa' fenì lu munnu

Ispirato a una canzone storica della tradizione femminista popolare. Diffusa in tutta Italia in differenti versioni, racconta della condizione femminile sottomessa all'arroganza del potere maschile.


KARALARASI (Mediterraneo)
Lu sole se ne glì finu alla sera
rubammo la coa a'la luna
io me recordo che pioea
tu me icisti sa' 'na cosa
Libera l'anema libera salle
Libera l'anema libera salle
N'anellu jiè portai sopre 'na stella
coll'occhi de lu mare me guardò
ma la ragione sa' non se cojie
come lu fiore a mullu retornò
Libera l'anema libera salle
Libera l'anema libera salle karalarasi
Dimani sci dimani retroerai
vent'anni e centu ancora retroerai le mani mei
poche parole che spezzanu
leggenno li giornali me scoppianu le mani tei
Libera l'anema libera salle
Libera l'anema libera salle karalarasi


CANTAMAGGIO
Appena arrio là chieo licenza
se in questo posto se ce po' cantane
Co lu primu de maggio 'ncominciamo
co lu primu de maggio ve salutamo
E so benutu da nu lungu viaggio
porto la noa ch'è fioritu maggio
Lu porto un bastoncillu e me c'appoggio
esta è la compagnia pè canta maggio
E maggio se ne a pe le ripette
le ojio salutà 'ste ragazzette
elle dai sedicianni a li ventisette
La bonasera ve la do in tre modi
coll'occhi co la lengua e co lu core
E nell'intorno me li cojio i frutti
a mano a mano ve rengrazio a tutti
Questa è l'usanza che tenemo noa
jenno giranno la notte pe ll'oa

Ispirato a stornelli di questua della tradizione popolare diffusi dai cantastorie in tutta Italia durante il mese di maggio.


LES ENFANTS DE GIZA
Non me sveglià lasciame cocì
ne lo dormì soli strignime
fijia me' non me abbandonà
non t'appusà vola socì difennime
Curi scappa lontanu tenimme viu
non ce guardà recordate
l'anema è inu de passio
mancu l'età dividerà stu mare
Si 'na meravijia, c'est une merveille
Si 'na meravijia, les enfants de Giza
Passa socì scivolanno via
la verità sopre de ti nascunni
cocì che me rassomiglierai
Si 'na meravijia, c'est une merveille
Si 'na meravijia, les enfants de Giza

Ispirato dal "Laudemus Virginem" del "Llibre de Vermell", canti di pellegrinaggio al monte Serrato del XIV secolo.


REPRESION
Creemos el hombre nuevo cantando
el hombre nuevo nel tiempo cantando
el hombre nuevo del mundo cantando
creemos el hombre nuevo cantando
ora lu munnu non tene più tempu
voz popular renasce cantanno
nuestra la tierra liberaremos
por los hermanos ventolerà
yo te recuerdo que la represion
en este mundo partidos a mità
nueva cancion para matar
por abbracciar los continentes
creemos el hombre nuevo cantando
el hombre nuevo del tiempo cantando
el hombre nuevo del mundo cantando
creemos el hombre nuevo cantando

Traduzione:
Creiamo l'uomo nuovo cantando
l'uomo nuovo nel tempo cantando
l'uomo nuovo del mondo cantando
creiamo l'uomo nuovo cantando
Ora il mondo non ha più tempo
voce popolare rinasce cantando
nostra la terra libereremo
per i fratelli sventolerà
Io ti ricordo che la repressione
in questo mondo diviso a metà
nuova canzone per uccidere
per abbracciare i continenti

Tema vocale ispirato dal brano cipriota "Ajia Marina". testo omaggio agli Inti Illimani. Colonna sonora del film "Sotto la luna" - regia di Franco Bernini.


NINNA NIA
E mo ce basta de faticà
e mo ce basta scoppià
e mo ce basta de sta' a suà
e mo ce basta de non guardà
e mo ce basta de rengrazzia
e mo ce basta stupidità
e mo ce basta moralità
e mo ce basta de 'sta città
troppu tempu socine
nui non bolemo tranquillità
nui non bolemo forza compà
chi se ne frega de gli a scià
dimme de ci a Termenillu colli sci
ma non ce basta de parlà
ma non ce basta curiosità
ne esta città che non ce l'ha
civiltà e ospitalità
pe chi sta solu, pe chi è dierzu, pe chi s'è perzu
troppu tempu socine
troppu tempu a dormine
ninna nia o ninna nia ninna nia ninna ninnà
ninna nia o ninna nia ninna nia ninna ninnà

"dimme de ci a Terminillu colli sci" ispirato da "Su jemo a Terminillu" di G.Marconicchio.


LA TREGUA

Immagini evocate dal libro di Primo Levi "La tregua". Colonna sonora del film "Sotto la luna" - regia di Franco Bernini.


PERZU PE 'NA CREUZA DE MA
Sotto la luna se ne a
senza tempu e senza cosa
semina ieri e ppo dimà
che de jiornu se repusa
tu me recordi a stentu
scuru come sta 'n priggione
riccu rima a delittu
poeracciu sta a raggione

...io me retroo cantanno
perzu 'na Creuza de ma

Omaggio all'opera di Fabrizio De Andrè "Creuza de ma", per noi fonte d'inesauribile insegnamento. Tema musicale ispirato a una melodia della tradizione bulgara.


SENZA SENSU
Cercanno tempu te nne a
pigliamo core all'anema
io che volevo tranquillità
mo me retrovo viaggianno
Anni d'argentu passanu
vivime addosso
strignemi 'stu core
dimmelo forte che nun te' più colore
ruba i duluri portame via
bacia la bocca all'aria
rubame parole noe
jorni senza tempu passano
cose senza sensu passano
tu le troverai tu le cercherai
cose senza senzu
jorni senza tempo passano...
Maschera farsa dde pietà
farsi doluri
salva n'idea
sentime, sentime a mi che ojio ice
tornatene via, ritornatene via solu


CANTIGAS
La dimenica de li jorni mei
me retorna con felicità
e coll'occhi entro a l'anema
ce guardao con curiosità
a chi semplice senza limiti
lu tempu non fenia mai
forse per abitudine io sogno coscì
Passa lu tempu ma non li cambia mai
momenti della vita mea
come l'ortica t'accarezzanu
some sabbia non li firmi più
ma elle jornate sa' de dimenica
lu jornu non fenia mai
forse per abitudine io vivo coscì

Ispirato alle Cantigas de Santa Maria - Spagna XIII secolo.


Torna ai contenuti | Torna al menu